Un piccolo villaggio e il suo grande impatto sulla salvaguardia del clima

Il piccolo villaggio di Großbardorf, in Germania, genera energia elettrica per mezzo sia di pannelli solari fotovoltaici che di impianti di co-generazione di biogas; il surplus energetico viene venduto. Grazie alla tecnologia Danfoss, il calore di scarto proveniente dalla centrale elettrica può essere utilizzato per il riscaldamento e l'acqua calda.

— giovedì 16 aprile 2015 Da Danfoss

Großbardorf, nella Bassa Franconia, è l'esempio ci ciò che possono compiere le piccole comunità. Questo paese di 950 abitanti è dotato di un impianto di biogas gestito dagli agricoltori della regione. L'energia elettrica è generata in un impianto combinato di calore e elettricità. Il villaggio genera, grazie anche a un grande impianto fotovoltaico, quattro volte l'energia che consuma e può dunque vendere il surplus energetico.

Il calore di scarto proveniente dalla produzione combinata di calore ed elettricità dell'impianto di co-generazione di biogas è immagazzinato nella rete di riscaldamento locale lunga 6 km e utilizzato per riscaldare la scuola, il municipio, l'asilo, la chiesa, la casa parrocchiale e oltre 110 case private, rispettando l'ambiente. La tecnologia Danfoss consente di trasportare l'energia termica dalla rete di riscaldamento ai singoli utenti. Vengono utilizzate 150 sottostazioni interconnesse Danfoss, che assicurano una distribuzione del calore ottimale ed efficiente, con un risparmio energetico fino al 15%. 

Danfoss garantisce quindi una più elevata efficienza energetica che si traduce in una riduzione delle emissioni di CO2 e in ambiente di vita più confortevole a costi più contenuti.

 

Diventa social Partecipa

Vuoi parlare con noi?

Vieni a conoscerci e a scambiare due chiacchiere con noi